Consumi elettrici con il fotovoltaico: casa mia (con pompa di calore)

Tags: 

Proseguo con gli articoli "fuori norma" (dopo quello su cappotto e pompa di calore) per questo blog, e pubblico i risultati dei primi mesi di fotovoltaico.

  • Ho montato un impianto a terra da 5,76kWp (16 pannelli da 360W), con orientamento di 40° Sud-Ovest e inclinazione di 25° [Nota1], inverter Solaredge SE5000H, batteria LG Chem RESU10H da 9.3kWh utilizzabili (9.8kWh nominali)
  • L'impianto è stato montato a metà dicembre 2021, quindi di fatto lo analizzo da Gennaio 2022.

    Mese

    Produzione

    [Nota2]

    Autoconsumo Acquisto Consumi base Consumo PDC Vendita
    Gennaio 318 kWh 298 kWh 390 kWh 242 kWh 446 kWh 20 kWh
    Febbraio
    346 kWh 290 kWh 147 kWh 203 kWh 234 kWh 56 kWh
    Marzo
    600 kWh 418 kWh 65 kWh 224 kWh 259 kWh 182 kWh
    Aprile
    652 kWh 304 kWh 30 kWh 225 kWh 109 kWh 348 kWh
    Maggio
    687 kWh 279 kWh 20 kWh 254 kWh 45 kWh 408 kWh
    Giugno
    740 kWh 263 kWh 12 kWh 240 kWh 35 kWh 476 kWh
    Luglio
    926 kWh 298 kWh 13 kWh 279 kWh 32 kWh 628 kWh
    Agosto
    790 kWh 292 kWh 16 kWh 273 kWh 35 kWh 498 kWh
     Totale  5.059 kWh
     2.442kWh  692 kWh
     1.940 kWh
     1.195 kWh
    2.616 kWh

    Da aprile riesco sostanzialmente a coprire tutti i consumi. Rimane una piccola quantità di energia acquistata ogni mese, dovuta più che altro al fatto che l'inverter, anche a produzione massima, ogni tanto preleva qualcosa dalla rete. Non so perchè, immagino che sia il suo funzionamento base, ma è una quantità talmente irrisoria che ho deciso di non indagare ulteriormente: si parla di meno di 15kWh al mese.
    Da segnalare inoltre che da Marzo inizia a esserci anche una discreta quantità di energia venduta, che alla fine va anch'essa ad abbattere le bollette.

    Trasformare questi dati in soldoni è complicato e poco utile: dipende dal costo dell'energia che abbiamo (che come sappiamo in questo periodo è estremamente variabile), e dai costi fissi che nei mesi estivi alla fine si fanno sentire più del costo dell'energia con i pochi kWh consumati. Inoltre c'è la variabile dell'energia venduta, il cui valore dipende dal tipo di contratto che abbiamo con il GSE. Credo che mettere quanto ho speso in bolletta sia poco utile per un lettore di questo articolo: verrebbero dei dati troppo influenzati dalla situazione contingente sia personale, sia del periodo storico. Inoltre, almeno per l'energia venduta, è difficile fare ora un calcolo effettivo del "netto" che mi andrà in tasca.

  • In ogni caso, considerando che abbiamo acquistato, in 8 mesi, solo 692kWh, e ne abbiamo venduti quasi 4 volte tanto (2.616kWh), è facile immaginare che anche con un costo dell'energia in vendita molto più basso dell'acquisto, alla fine la bolletta sarà molto probabilmente azzerata (e magari ci guadagniamo qualcosa).
  • Aggiornerò questi dati con i risultati degli ultimi mesi dell'anno. Essendo mesi meno soleggiati ci si può aspettare che il rapporto tra vendita e acquisto cali sensibilmente, vedremo di quanto!

    Appendice: note

    • Nota1: In realtà l'impianto è orientato a 45° SO e inclinato di 20°, ma il terreno su cui è montato ha a sua volta una inclinazione di 4° verso Sud-Est (tutte rilevazioni fatte col giroscopio del cellulare, da prendere con grosse pinze). Francamente faccio fatica a calcolare come l'inclinazione del terreno incida sull'inclinazione dei pannelli (a occhio sembra non poco, ma magari è solo una impressione ottica), comunque per questo ho deciso di ritoccare leggermente i dati a favore di sole.
    • Nota2: Produzione limitata di circa il 15% rispetto al totale realizzabile. Questo per 2 motivi diversi: abitando in campagna la linea elettrica era
      sottodimensionata per le immissioni che potevo avere, e quindi da marzo
      ho iniziato ad avere dei distacchi dell'inverter (che andava in
      protezione per eccessivo voltaggio). Ho risolto inizialmente limitando
      la potenza immettibile in rete (quindi quello che vendo), ma questo mi ha fatto "bruciare" della
      produzione (non ha invece inciso in autoconsumo). Da agosto il problema è stato per buona parte risolto, ma
      ho dovuto comunque mettere un limite a 3.5kW (va detto che raramente,
      per la sola parte in eccedenza, andrei oltre quel limite). Inoltre nei mesi invernali, con il sole più basso, ho l'ombra di un albero che mi fa perdere produzione nelle prime
      ore della giornata. Molto a spanne, le perdite subite per questi 2 problemi sono state tra il 10% e il 20%.

    Aggiungi un commento

    Scrivi la risposta in lettere (ad esempio "tre" e non "3")